Annalisa Fiore
annalisa fiore

Ogni vera libertà personale non può esprimersi altrimenti che nel poter scegliere il modo di rinunciarvi.

Vittorio Foa







Benvenuti nel mio sito

Lettera aperta ai cittadini
“Tra una politica che affonda ed un populismo che di essa vuole liberarsi, bisogna riaffermare la moralità delle regole”, questo l’insegnamento del mio professore all’Università a Roma, Stefano Rodotà, a cui ho sempre cercato di ispirarmi in questi anni di esperienza politica.

Ed è forse anche per aver voluto tenere fede a questo insegnamento che oggi cessa il mio mandato come Assessore al Comune di Empoli. La coerenza dei valori non è per me un bene barattabile e sono convinta che così la pensa la maggioranza dei miei concittadini , a prescindere dalla tessera di partito che hanno o dalle legittime differenti idee politiche che sostengono.

A questi cittadini va il mio invito a riappropriarsi della Politica, occupata da esponenti partitici che seguono volontà di potere o peggio meri interessi personali.

Ho deciso di dedicare questi anni della mia vita alla collettività portando nelle istituzioni locali il mio essere innanzitutto una cittadina, una lavoratrice, una mamma. Ho gestito i conti del Comune con quella diligenza del “buon padre di famiglia” come ognuno di noi farebbe in casa o in azienda.

In questi anni di profonda crisi economica, con tagli importanti ai trasferimenti statali verso gli enti locali, il mio impegno prioritario è stato quello di abbattere interessi sui mutui senza ridurre il sostegno alle fasce deboli ed evitando sofferenze nei pagamenti verso le imprese fornitrici.

Credo fermamente che solo dal confronto, dalla condivisione, dalla partecipazione attiva ai tavoli di lavoro, possano nascere le risposte alle necessità dei cittadini. Non credo ai detentori della Verità. E ne ho dato testimonianza nel ricercare sempre il dialogo, non solo con le forze di maggioranza e di opposizione, ma anche con le parti più attive del paese: sindacati dei lavoratori, commercianti, artigiani, imprese.

Quando si ha la responsabilità di amministrare risorse pubbliche occorre avere la capacità di astrarsi dall’appartenenza a questo o quel partito, ma muoversi per rappresentare gli interessi di tutti.

Nel giugno 2009 ho accettato la responsabilità dell’ Assessorato, e ringrazio il Sindaco per questo, con quello spirito pratico di chi si augura di poter offrire la propria visione del quotidiano da cittadina comune prestata alla politica.

Ringrazio quanti fra membri della Giunta e Consiglieri, di tutte le forze politiche, mi hanno incoraggiata e sostenuta condividendo con me l’importanza del rispetto dei principi di lealtà, onestà e trasparenza ed impegnandosi a ricercare il bene comune e non quello di parte.

Concludo oggi questo mio percorso con l’amara constatazione che non sempre la “biodiversità politica” rappresenta un valore aggiunto. Esprimere le proprie idee liberamente e con forza è legittimo e doveroso, lo pensavo quando sono stata nominata Assessore e continuo a crederlo.

Si poteva fare di più, certo. Avrei potuto fare di più. Ma in politica, in questa politica, non sempre si ha il tempo o la possibilità di fare il meglio.

Annalisa Fiore
     Web Project & Design - Grazia Tramontano © 2010-2016